stai leggendo....

Basket. I Crabs piegano anche Ferrara.

altri sport


Sei di fila! E chi lo avrebbe mai detto?
I Crabs di Ambrassa dopo due supplementari hanno ragione anche delle corazzata Ferrara: partita tecnicamente non bella, caratterizzata da molti errori, ma di un’intensità incredibile, vibrante e tesa come poche di recente memoria.
Partiamo dal pubblico: quasi 1.400 (sì, millequattrocento!) spettatori sugli spalti per una cornice degna di un paio di categorie più su. Un pubblico caldo che dà e riceve da chi butta il cuore in campo in un circolo virtuoso che è uno dei segreti di questi Crabs.
La partita: i granchi, come spesso capita, partono male in attacco e non capitalizzano ciò che disfano (agli avversari) in difesa. Il primo quarto si chiude con la Mobyt sopra 14-16, ma nel secondo i Crabs piazzano un break che li porta sopra di 7 all’intervallo, 23-16. Fa canestro quasi solo Amadori, 10 per lui, ma in compenso la difesa cancella gli esterni estensi e lavora benissimo sullo spauracchio Benfatto, che segna sì, ma viene decisamente limitato.
L’intervallo è di un’intensità pazzesca: il canestro diventa la cruna di un ago, segnare una chimera e si percepisce chiaramente che la posta in palio annebbia le menti (e i polpastrelli) in attacco, ma porta a decuplicare le forze in difesa. Gli errori e le perse non si contano e i Crabs pagano soprattutto la scarsa vena dalla lunetta – 10/21 ad un certo punto. I parziali dei quarti la dicono lunga: Ferrara vince il terzo 15-12 ed il quarto addirittura 11-9, ma non ha la forza per segnare il tiro della vittoria e si va al primo overtime.
Non cambia il canovaccio, si segna quasi solo dalla lunetta, con i Crabs che cominciano finalmente a mettere i liberi e Caceres che piano piano vede il canestro allargarsi. Altro tiro per vincere di Ferrara, altra grande difesa, altro errore. Secondo overtime.
Caceres sale in cattedra, la difesa è sempre quella e Ferrara non ce la fa più: Bruni e Gasparin mettono dalla lunetta i liberi decisivi e la Mobyt si arrende.
Finisce 78-74 ed il Flaminio canta di gioia.

Commenta la notizia

Nessun commento ancora.

Rispondi

Bar Sport su Facebook