stai leggendo....

Calcio seconda divisione. il San Marino ingrana la 5^

calcio

SAN MARINO-VIRTUS ENTELLA 3-2
SAN MARINO (4-4-2):
Vivan; Pelagatti, Del Duca (17’ st Casolla), Fogacci, Crivello; Sorbera, Pigini (20’ st D’Antoni), Loiodice, Poletti; Pieri (20’ st Scicchitano), Lapadula. A disp. Migani, Ferrero, De Santis, Del Sole. All. Petrone
VIRTUS ENTELLA (4-4-2): Paponi; Zampano, Russo, Bertoli, Talignani; Staiti (12’ st Favret), Hamlili, Volpe, Ciarcià (18’ st Falcier); Lenzoni, Rosso (34’ st Lazzaro). A disp. Otranto, Musso, Cargiolli, Serlini, Lazzaro. All. Prina
ARBITRO: Giorgetti di Cesena
MARCATORI: 29’ pt (r.) e 3’ st Rosso, 30’ pt Lapadula, 23’ st Poletti, 44’ st D’Antoni
NOTE: giornata nuvolosa e fredda. Terreno in buone condizioni. Ammoniti: Pigini (SM); Ciarcià, Favret (VE). Angoli 3-3. Espulso al 35’ pt l’addetto all’arbitro Antonello Sammarco per proteste. Spettatori 300 circa. Incasso non comunicato.
RECUPERO: pt 3’; st 3’.
Petrone deve rinunciare agli infortunati Amantini e Chiaretti e all’influenzato Villanova. Non ci sono grandi novità, però, rispetto all’undici vincente di mercoledì a Valenza. Linea difensiva a quattro con centrali Del Duca-Fogacci e sugli esterni Pelagatti a destra e Crivello a sinistra. In mezzo al campo il ballottaggio viene vinto da Pigini che fa coppia con Loiodice. Nel corridoio spazio a Sorbera e Poletti. Davanti Pieri e Lapadula. Parte subito bene il San Marino. Al 5’ Lapadula in piena area si gira, botta sicura di sinistro che trova la pronta respinta di Paponi, quindi al 12’ cross dalla destra di Sorbera in mezzo per Pelagatti, incornata centrale preda del numero uno della Virtus Entella. La reazione degli ospiti arriva al 19’ quando Vivan risponde in corner al diagonale velenoso di Staiti. Poi ancora San Marino al 27’: traversone dalla sinistra per Pieri, colpo di testa, la palla arriva a Pelagatti che davanti a Paponi spedisce alto. In campo ci sono solo i titani, ma a passare è la Virtus Entella. Al 28’, infatti, punizione a spiovere battuta da Staiti e fallo di Del Duca su Rosso. Per il fischietto di Cesena è rigore. Dagli undici metri Vivan non riesce a trattenere il destro angolato di Rosso. La festa della Virtus Entella, però, dura poco, appena un giro di lancette. E’ sì perché sul ribaltamento di fronte il San Marino trova il gol dell’1-1: scatto prepotente di Lapadula che supera Bertoli e a tu per tu con Paponi insacca con un diagonale di destro che non lascia scampo (30’). Per l’attaccante biancazzurro è la rete numero dieci. Al 42’ l’occasione per il raddoppio sammarinese: scambio Poletti-Lapadula-Poletti con il capitano che in piena area di destro colpisce il palo esterno alla destra di Paponi. Si va alla ripresa. Bene l’avvio dei titani che ci provano con Sorbera, ben servito dalla sinistra da Lapadula, ma il suo diagonale trova Paponi che para a terra (1’). Due minuti più tardi, però, la squadra di Prina trova la rete del vantaggio: punizione dalla trequarti sinistra di Volpe per Rosso, controllo in area di destro e tocco ravvicinato di sinistro che non lascia scampo a Vivan. I titani incassano il colpo, ma poi minuto dopo minuto prendono fiducia e anche l’ingresso di forze fresche aiuta, tanto che al 23’ trovano il 2-2: cross di Lapadula dalla destra, la palla arriva a Poletti che prende il tempo a tutti e di testa infila nell’incrocio alla sinistra di Paponi che non può arrivare. E’, dunque, la settimana del capitano che segna tre reti in tre giornate, rispettivamente Montichiari, Valenzana e appunto Virtus Entella. Il San Marino a questo punto crede nella vittoria e tenta il tutto per tutto. Al 32’ punizione di Poletti in area per Fogacci che a un metro da Paponi non aggancia, quindi al 44’ il gol del 3-2. Tutto parte da un lancio di Poletti dai 25 metri per D’Antoni che al volo di destra spiazza Paponi. La reazione della Virtus Entella è immediata e al 47’ conclusione di Lenzoni alta sopra la traversa. Non c’è, però, più tempo. Finisce 3 a 2 per i biancazzurri di Petrone. Tre punti pesantissimi. E adesso sotto con la Pro Patria.

Commenta la notizia

Nessun commento ancora.

Rispondi

Bar Sport su Facebook