stai leggendo....

Calcio. Seconda divisione, San Marino ko a Busto Arsizio

calcio

La sfida tra due delle formazioni più in palla del campionato va alla Pro Patria che al “Carlo Speroni” batte 1-0 un buon San Marino grazie a una contestata punizione di Giannone nel recupero del primo tempo. Assente lo squalificato Del Duca, mister Petrone schiera Pelagatti partner di Fogacci al centro della difesa con il giovane Farina esterno basso. Davanti a lui Villanova dal primo minuto con Sorbera sacrificato sull’altare della regola degli under che parte dalla panchina. Si gioca a ritmi alti ma per vedere la prima vera occasione bisogna aspettare il19’ quando Del Sole ci prova di sinistro dalla distanza costringendo Andreoletti a distendersi in tuffo sulla sinistra. Due minuti più tardi rispondono i padroni di casa quando, sugli sviluppi di un’azione di Serafini dalla sinistra, Artaria conclude a rete ma Vivan risponde presente. Al29’ velenoso tiro-cross di capitan Poletti, l’estremo difensore lombardo si salva in corner. Dopo il tiro dalla bandierina di Villanova la palla perviene ancora a Poletti che di sinistro disegna una traiettoria beffarda sulla quale Andreoletti compie il miracolo. Si va verso l’intervallo con il direttore di gara che concede due minuti di recupero allo scadere dei quali Fogacci commette fallo su Bruccini. L’arbitro fa battere la punizione che, al 48’, Giannone trasforma in oro grazie a un’esecuzione perfetta. Sarà il gol che deciderà l’incontro. Nella ripresa subito Sorbera al posto di Poletti, alle prese con un problema alla caviglia. Dopo un giro di lancette i titani sfiorano ancora la rete con una botta sotto misura di Fogacci, Andreoletti si supera ancora una volta. Al13’ la Pro pericolosa con Serafini che gira a rete un cross di Bruccini, la palla sfiora il montante. Subito dopo dentro Pieri per Farina ma al19’ il San Marino resta in dieci per una brutta entrata di Villanova su Bonfanti, è rosso diretto. Ma l’inferiorità numerica dura solo quattro minuti. Al 23’ tocca a Taino, già ammonito, finire anzitempo negli spogliatoi per fallo su Sorbera. Nel finale verranno poi espulsi per proteste dalla panchina Crivello e il team manager Andreatini. Il San Marino non molla e al35’ Pieri ci prova di testa su cross dello stesso Sorbera ma l’incornata finisce fuori misura. Mister Petrone si gioca anchela carta Casollama al 40’ sono i padroni di casa a sfiorare il raddoppio con una bella azione personale del neo-entrato Dalla Costa che esita troppo e si fa soffiare la sfera da Vivan. Situazione speculare un minuto dopo sull’altro fronte, questa volta è Pieri ottimamente pescato da Lapadula a perdere l’attimo fuggente e a favorire il ritorno del portiere bustocco. Al minuto 46, con il San Marino sbilanciato in avanti alla ricerca del pareggio, Cortesi dalla distanza centra la parte superiore della traversa. Ultimo sussulto al4’ di recupero quando Del Sole ci prova dal limite, la conclusione è murata da Nossa tra le proteste dei sammarinesi che chiedevano il fallo di mano e dunque il penalty. Finisce 1-0 perla Pro Patria ma per quanto visto sul campo i titani, la cui striscia di successi consecutivi si interrompe a cinque, avrebbero meritato ben altra sorte. Domenica, all’Olimpico di Serravalle, arriva il Santarcangelo per un derby che promette spettacolo.

Commenta la notizia

Nessun commento ancora.

Rispondi

Bar Sport su Facebook