stai leggendo....

Con un vergognoso voto segreto i politici approvano il carcere per i giornalisti. Sallusti:” Vigliacchi”

calcio

Con un voto anonimo i senatori dicono sì a un emendamento della Lega all’art. 1 del ddl sulla diffamazione con cui si reintroduce la possibilità del carcere per i giornalisti.

Senza metterci la faccia, ossia con il voto anonimo, i senatori hanno approvato un emendamento all’art. 1 del ddl sulla diffamazione con cui si reintroduce il carcere per i giornalisti: 131 sì, 94 no e 20 astenuti. L’emendamento, presentato dalla Lega, prevede il carcere fino a un anno per i giornalisti che diffamano a mezzo stampa e in alternativa la multa fino a 50 mila euro. Il governo è andato sotto: il sottosegretario alla Giustizia;Antonino Gullo, infatti, aveva dato parere negativo alla proposta leghista, dopo aver invitato il Carroccio al ritiro.

Ha fatto molto discutere la votazione segreta sull’emendamento. “Stavolta è stata la Lega a chiederlo”, ha rivendicato con orgoglio il leghista Roberto Calderoli. “Abbiamo anche raccolto qualche altra firma – aggiunge Calderoli – ma l’iniziativa è nostra”. L’altra volta a chiedere il voto segreto sulla precedente versione del ddl era stato il segretario dell’Api Francesco Rutelli, insieme ad altri 20 senatori. “In parlamento il voto segreto è legittimo quando i regolamenti lo prevedono. Ma oggi, in Senato, la segretezza è stata usata come arma rancorosa contro la libertà di stampa”.“È un voto vergognoso quello dei parlamentari – dichiara il segretario della Fnsi, Franco Siddi -. Nascondendosi dietro il muretto a secco del voto segreto, hanno raccolto quei malpancisti i quali ritengono che la libera stampa debba essere punita e trattata con il pugno di ferro. A questo punto è del tutto evidente che non ci può essere una nuova legge coerente con la giurisprudenza europea e che questo progetto di legge non possa andare avanti. “Ove accadesse – prosegue Siddi -, i forcaioli sappiano che dovranno pagare un conto salato alla reazione dell’opinione pubblica. Stavolta a non restare impuniti saranno proprio loro, come sempre capita per chi considera l’informazione un nemico da abbattere e non un presidio da tutelare per la libertà di tutti”. (tratto da Il Giornale).Resta il fatto che se la diffamazione a mezzo stampa porterà al carcere, i vari istituti di pena dovranno ampliare le celle in quanto saranno proprio i politici a finire nella trappola della loro “legge” visto che continuano a diffamarsi a vicenda nelle varie trasmissioni salotto.

L’anatema di Sallusti sulla Casta: “Io in galera, voi sparirete nel nulla”

Il direttore dopo il blitz in Senato che conferma il carcere ai giornalisti: “Vigliacchi, fate pena e ridere. Mi consolerò guardandovi scomparire” DA-LIBERO-

 

Commenta la notizia

3 Di risposte a “Con un vergognoso voto segreto i politici approvano il carcere per i giornalisti. Sallusti:” Vigliacchi””

  1. Beppe dì ai tuoi amici, in particolare Gabellini, di stare attenti per le 50.000 per ogni volta che dicono CAGATE!!!

    Pubblicato da Enrico | 14 Novembre 2012, 17:31
  2. Provvederò!!!!

    Pubblicato da barsport | 14 Novembre 2012, 19:21
  3. ERA ORA !!!

    Pubblicato da Rebus | 14 Novembre 2012, 21:45

Rispondi

Sondaggi

Il Rimini inizia un nuovo percorso societario: cosa ne pensate?

Vedi Risultati

Loading ... Loading ...