stai leggendo....

Cessione Rimini Calcio. Ieri incontro tra i soci di maggioranza. Piano Bse in pole ma ha tempo sino a Martedì per decidere. L’alternativa arriva da Perugia

calcio

Ieri pomeriggio i soci di maggioranza si sono riuniti per decidere che strada intraprendere sulla cessione del Rimini. Ne è venuto fuori che pur rispettando il progetto  Bse,  non si sarebbe disposti ad  aspettare oltre Martedi/ Mercoledì , mentre Bse aveva chiesto di pazientare fino a Venerdì 15 Marzo, giorni in cui arriverebbero in riviera tutti i massimi dirigenti dell’azienda capitolina: Americo Romano,Enrico Roscioni  e Mauro De Dominicis.(Speriamo prevalga il buon senso e si aspetti)Se invece non si concederà le 48 ore ulteriori richiesti da Romano e Soci, ecco entrare in scena il gruppo perugino composto da l’ex D.S. del Perugia calcio, Alvaro Arcipreti insieme all’attuale presidente Moneti la cui proposta (80%  delle quote) è considerata dai dirigenti  del Rimini la più vantaggiosa  rispetto ai più  defilati ma sempre in lizza, Antonio Esposito e il gruppo Casertano proprietario del marchio “Acqua Lete”. Cosa succederà a questo punto è difficile prevederlo.

Commenta la notizia

2 Di risposte a “Cessione Rimini Calcio. Ieri incontro tra i soci di maggioranza. Piano Bse in pole ma ha tempo sino a Martedì per decidere. L’alternativa arriva da Perugia”

  1. Quando questi si riuniscono in “conclave” fanno solo danni !!!

    Pubblicato da Zapata | 9 marzo 2013, 11:32
  2. Domani, dopodomani, una settimana, quindici giorni. AVETE ROTTO GLI ZEBEDEI!!!!!!!!!!!!

    Pubblicato da ESTICAZZI | 9 marzo 2013, 18:59

Rispondi

Bar Sport su Facebook