stai leggendo....

Cessione Rimini calcio.Attesa per le ultime proposte.

calcio

Ormai i tempi sono ristretti, il Rimini dovrà essere ceduto o gli scenari saranno “drammatici”.
Si tratta di uno snodo determinante per l’eventuale salvezza della società, perché in caso di acquisto la nuova proprietà deve far fronte a tutti i pagamenti regressi di dipendenti e fornitori per una cifra che si aggirerebbe attorno oltre un milione e mezzo di euro, senza dimenticare che ad Aprile si dovrà tornare a pagare gli stipendi dei calciatori , pena la restituzione dei soldi già versati dalla lega nelle casse del Rimini, con penalizzazioni varie che verrebbero comminate dal prossimo campionato.
Ed è proprio questo il nodo da sciogliere. I nuovi investitori, chiunque essi saranno, vorrebbero partecipare al rilancio della società, ma a quanto pare non al ripianamento dei debiti accumulati. E qua’ che ci sarebbe l’opposizione di alcuni soci biancorossi che invece vorrebbero rientrare dei soldi versati in eccesso rispetto a quanto era previsto.Le ultime consultazioni del presidente Amati avrebbero portato ad una nuova offerta, migliorativa di Antonio Esposito rispetto a quella precedente ma sempre relativa all’80% delle quote.
Sarebbe arrivata anche l’offerta del gruppo dei casertani il cui portavoce è l’ex dirigente del Treviso, Mauro Traini. L’offerta punterebbe all’acquisto del 60%. Per quanto riguarda i perugini, nessuna offerta formale sarebbe stata avanzata a tutt’oggi.
Ora vi chiederete; e Bse? In questo momento la società romana stà lavorando alacremente al progetto supermarket. Tutto lo staff dirigenziale si trova a Rimini e questa sera darà (si spera) una risposta su come si sono concluse le trattative. Se tutto sarà risolto in maniera positiva,
un colloquio propedeutico con appuntamento forse decisisvo con la Rimini calcio si terrà nelle successive ore che servirà a fugare tutti i dubbi sulla trattativa.Dentro o fuori.

Commenta la notizia

5 Di risposte a “Cessione Rimini calcio.Attesa per le ultime proposte.”

  1. Se è come dici tu chi vuoi che si prenda una società con 1,5 milioni di debiti da sanare? Altro che gli ingaggi onerosi della Cocif che comunque contribuiva con 2 milioni per due anni + 1,5 dell’imprenditore pugliese. Avete voluto lo sfascio e ora godetevelo. Proprio vero quel proverbio che dice: siediti sulla riva del fiume e prima o poi vedrai passare il cadavere del tuo accusatore”.
    SIAMO ALLA RESA DEI CONTI !!!

    Pubblicato da L'avvocato | 15 marzo 2013, 18:45
  2. Fidati,questi qui non si vergognano di niente. Per non parlare di quello che devono a mezza rimini,eppure vanno via a testa alta. Complimenti anche alla lega e banche comprese che da soldi a questa gente senza verificare se queste poi pagano o meno chi veramente LAVORA per la società(fornitori ecc…ecc…)

    Pubblicato da cocif | 15 marzo 2013, 19:46
  3. Certo che una letterina alla Lega dove si dice che questi Imbecikki orendono i contributi e non pagano gli stipendi dei dipendenti ci starebbe proprio bene….

    Pubblicato da attila | 15 marzo 2013, 20:56
  4. Ufficiale: entra Esposito ! A sem a post……Jamm’ ja

    Pubblicato da Toto' | 16 marzo 2013, 10:55
  5. Ragazzi sposito e un delincuente siamo nella merda

    Pubblicato da fabrizio | 16 marzo 2013, 10:59

Rispondi

Bar Sport su Facebook