stai leggendo....

Lega Pro’. Macalli: “Chi non va in campo pagherà le conseguenze”.

calcio

Il presidente di Lega Pro’, Mario Macalli minaccia provvedimenti se domenica non si scende in campo.” Chi non giocherà subirà conseguenze” Così il presidente dopo aver appreso che l’associazione calciatori ha decretato di non giocare la prima di campionato. Dunque braccio di ferro tra calciatori e lega per colpa di una legge quantomai dubbia e stupida. Un giovane se è bravo lo deve dimostrare sul terreno di gioco e non ha bisogno di leggi inapplicabili. Lo stesso direttore di lega Pro’ Ghirelli ci ha sbalordito nella dichiarazione della settimana scorsa quando ha detto: “un calciatore raggiunti i 25 anni si dovrebbe trovare un’altro lavoro”.Farneticante!

20130826-200522.jpg

Commenta la notizia

13 Di risposte a “Lega Pro’. Macalli: “Chi non va in campo pagherà le conseguenze”.”

  1. Non sono un avvocato ne un giurista, ma a mio parere ci sono tutti i presupposti per ritenerla del tutto anti costituzionale, non che anacronistica.
    Lo sport, in generale, ha tra i suoi pregi quello di avvalorare la meritocrazia, ed il limite dell eta’ media e’ una discriminante inaccettabile sia da un punto di vista sportivo sia da quello lavorativo.

    Pubblicato da rimini f.c. ugo | 26 agosto 2013, 20:27
  2. Il limite dell’età e giustissimo almeno si evita di avere ragazzi di 30 anni che dopo una carriera povera in C si ritrovano senza arte ne parte ! Bravo Macalli……..punire chi non scende in campo !!!

    Pubblicato da Largo ai giovani | 26 agosto 2013, 21:25
  3. MACALLI LO CONOSCIAMO BENE, È IL PADRE PADRONE DELLA LEGA PRO E NON HA MAI FATTO IL BENE DI QUESTA CATEGORIA, MA PIUTTOSTO IL SUO.
    SE LUI E LA LEGA HANNO COSÌ TANTO A CUORE I GIOVANI, BASTAVA MANTENERE LA REGOLA DELLA PASSATA STAGIONE, SENZA COMPLICARE LE COSE COME HA FATTO QUEST’ANNO, FRA L’ALTRO NELLA STAGIONE DI TRANSIZIONE, RESA ANCOR PIÙ RIDICOLA DA UNA C1 SENZA RETROCESSIONI E UNA C2 CON BEN 9 RETROCESSIONI SU 18 SQUADRE.
    UN PRESIDENTE ILLUMINATO E RETTO AVREBBE APPROFITTATO DELLA CRISI CHE C’È PER APPLICARE LA RIFORMA GIÀ IN QUESTA STAGIONE, SENZA RECUPERARE A PAGAMNTO 7 SQUADRE DALLA SERIE D CHIEDENDO CIFRE E GARANZIE PAUROSE PER FARE LA C2.
    LA SERIE C UNICA SAREBBE POTUTA GIÀ NASCERE IN QUESTA STAGIONE, MA PER MACALLI E SOCI NON ANDAVA BENE, PERCHÉ AVREBBERO PERSO TANTI BEI SOLDONI.
    LA FACCENDA È TUTTA QUI, E COSÌ FANNO I PALLADINI DELLA GIOVENTÙ, E LA SERIE C STA DIVENTANDO UN CAMPIONATO DILETTANTISTICO, DOVE GENTE COME LUNARDINI UN ’84 MA ANCHE TANTI ALTRI GIOCATORI PIÙ GIOVANI COME GLI ’89 SONO DA CONSIDERARE VECCHI E SONO COSTRETTI AD ANDARE A GIOCARE IN D.
    PER CHI NON SA FARE I CONTI STO PARLANDO DI CALCIATORI DI 24-25 e 26 ANNI CHE IN SERIE C NON TROVANO PIÙ SPAZIO PERCHÉ CONSIDERATI VECCHI.
    RIDICOLO ALTRO CHE BRAVO MACALLI.

    Pubblicato da Gaf | 27 agosto 2013, 10:28
  4. Macalli ha detto anche una verità sacrosanta e cioè che nessuno è obbligato a far giocare i giovani. Volendo puoi anche schierare una maggioranza di fuori quota. La regola è stata fatta apposta per aiutare chi come il Rimini non ha uno sgheo. Se ti tocca girare col cappello in mano non è colpa di Macalli.

    Pubblicato da REBUS 3 | 27 agosto 2013, 11:21
  5. A NO?
    VISTO CHE LA REGOLA È STATA FATTA SOLO PER SQUADRE COME IL RIMINI, PROVA A GUARDARE NEL NOSTRO GIRONE QUANTE SQUADRE SI POSSONO PERMETTERE DI GIOCARE CON FUORI QUOTA.
    SE VUOI TI AIUTO IO, NON STANNO NEPPURE SU DI UNA MANO…

    I FATTI DICONO CHE GIOCATORI COME DEGANO E NON SOLO LUNARDINI HANNO DOVUTO SCENDERE DI CATEGORIA, E POTREI CITARNE TANTI, PELUSO, CARTERI, BALISTRERI TUTTI RAGAZZI CLASSE ’84-85 E QUESTO NON È UN PROBLEMA DEL RIMINI.

    IL FATTO È CHE MACALLI ILLUDE I GIOVANI, FACENDOLI GIOCARE FRA I PROF ANCHE SE NON SONO ALL’ALTEZZA E APPENA SONO FUORI QUOTA FINISCONO NEL DIMENTICATOIO GIÀ A 25 ANNI.

    BELLA ROBA

    Pubblicato da Gaf | 27 agosto 2013, 12:45
  6. @gaf Se tu facessi girare le rotelline del cervello riusciresti a capire che questa regola serve sopratutto ad abbassare le pretese di stipendio dei giocatori. Se Degano e altri giocatori scendono di categoria e perché vogliono continuare a guadagnare in altro modo ( sai benissimo come….) quello che percepivano in precedenza. Squadre che hanno speso e preso giocatori per vincere il campionato senza guardare l’età c’è se sono eccome per cui il,problema e delle società come quella di PINOCCHIO che gestite in maniera dilettantesca sono in grossa difficoltà. Macalli fa benissimo a mettere dei paletti e si comporta bene con chi rispetta le regole: non a caso quando la Cocif lasciò,la Rimini Calcio ( ci fu un bidone organizzato…..) in una riunione in FIGC alla presenza di tutte le società professionistiche disse che il calcio italiano perdeva una delle società meglio gestite da quando lui era Presidente…….chissà cosa ne pensa ora di questa banda di rabazieri……..

    Pubblicato da Paride | 27 agosto 2013, 13:58
  7. CERTO PARIDE, DI SOCIETÀ NEL NOSTRO GIRONE CHE RINUNCIANO AI CONTRIBUTI CE NE SONO, MA COME HO DETTO SONO MOSCHE BIANCHE, E QUESTE GLI INGAGGI LI PAGANO ALTI ECCOME.
    SE LUNARDINI È FINITO AL FANO FACENDO IL SALTO DOPPIO DELLA QUAGLIA POI QUI NON VI LAMENTANTE, SE NON CI FOSSE STATA QUESTA RIDICOLA REGOLA OGGI LUNARDINI SAREBBE QUADI CERTAMENTE FRA I PROF COME TANTI ALTRI, MA IN QUESTO CASO È COLPA DI AMATI, MENTRE PER DEGANO BENE HA FATTO L’ALESSANDRIA AD ABBASSARE IL MONTE INGAGGI, CIOÉ ESATTAMENTE QUELLO CHE STIAMO FACENDO A RIMINI.

    UN PO’ PIÙ DI OBIETTIVITÀ NON GUASTEREBBE, PERCHÉ QUI PUR DI TIRARE FANGOADDOSSO ALLA SOCIETÀ SI STA DISTRUGGENDO IL RIMINI, E CHI VUOLE BUTTARE L’ACQUA COL BAMBINO NON È UN TIFOSO, MA SEMPLICEMENTE UNA PERSONA IN MALAFEDE CHE CERCA SOLO DI FARE DEL MALE ALLA NOSTRA SQUADRA CHE MAI COME ORA HA BISOGNO DI SUPERARE QUESTO MOMENTO DIFFICILE.

    Pubblicato da Gaf | 27 agosto 2013, 16:42
  8. @gaf IL PROBLEMA DI QUESTA SOCIETÀ E AMATI, NON HA CAPITO O FORSE FA FINTA DI NON CAPIRE CHE LA GENTE HA SGAMATO COME HA FATTO A SCIPPARE LA RIMINI CALCIO ALLA COCIF E ORA HA PERSO TUTTA LA CREDIBILITÀ. OLTRETUTTO NON È IN GRADO DI DIRIGERE UNA SOCIETÀ PROFESSIONISTICA SIA DAL LATO ECONOMICO,MA SOPRATUTTO,DA QUELLO,MANAGERIALE. VIA LUI LE COSE POTRANNO SOLO MIGLIORARE……..

    Pubblicato da Paride | 27 agosto 2013, 17:27
  9. GAF è inutile che difendi PAPA’. E comunque stai tranquillo che il posto in prima squadra è assicurato

    Pubblicato da fiamme gialle | 27 agosto 2013, 19:39
  10. IO NON DEVO DIFENDERE AMATI, SI PARLAVA DI CONTRIBUTI DELLA LEGA E DI QUELLO CHE COMPORTANO IN UNA LEGA PRO SEMPRE PIÙ DILETTANTISTICA.
    SE POI VOLETE IL MIO PARERE, PREFERIREI ANCH’IO UNA SOCIETÀ FORTE E UN PRESIDENTE IN GRADO DI INVESTIRE, MA OGGI NON VEDO IMPRENDITORI INTERESSATI A FARE QUESTO NE A RIMINI, NE IN ALTRE PIAZZE QUI VICINO.
    IO VEDO QUELLO CHE È SUCCESSO AL RAVENNA, PENSO ALLA VIS PESARO, MA ANCHE ALL’ANCONA CHE SONO ANNI CHE CERCA DI RISALIRE LA CHINA, PER NON PARLARE DEL FORLÌ, OGGI CERTAMENTE MESSO MEGLIO DI NOI ECONOMICAMENTE, MA SEMPRE IN C2 CON UNA SQUADRA IMBOTTITA DI UNDER PER FARE CASSA.
    INSOMMA, SE SI È TIFOSI, QUESTO È IL MOMENTO DI SOSTENERE IL RIMINI, AUGURANDOCI DI RIUSCIRE A CONQUISTARE LA C UNICA, POI I PRESIDENTI NON DURANO PER SEMPRE E LA STORIA INSEGNA CHE QUELLO CHE CONTA È LA MAGLIA, SOLO QUELLA E OGGI MOLTI TIFOSI CON UNA STORIA PIÙ BLASONATA DELLA NOSTRA, NON HANNO NEPPURE PIÙ LA MAGLIA A CUI ATTACCARSI ALLA DOMENICA.
    VOLETE UN ESEMPIO?

    CHIEDETE AI TIFOSI DEL CASALE IN CHE CATEGORIA GIOCHERANNO QUEST’ANNO, SE VOLETE VE LO DICO IO… IN NESSUNA!
    FORZA RIMINI

    Pubblicato da GAF | 28 agosto 2013, 12:45
  11. Personalmente il Rimini di Amati NON SARA’ MAI IL MIO RIMINI per cui la tua povero Gaf è fatica sprecata nella difesa di questa banda di dilettanti.
    Macalli ha fatto la cosa più giusta: vende la Lega Pro a chi vuole ritornarci e con i soldi incassati paga i contributi delle società che fanno giocare gli Under, una gestione aziendale della Lega perfetta ! Quindi povero Gaf smettila di sparare castronerie e augurati che Amati se nevada per il bene del Rimini……altrimenti sentirai che botta fra qualche settimana !

    Pubblicato da Paride | 28 agosto 2013, 14:35
  12. Sciopero revocato. Accordo raggiunto. Calcolo età media su 10 giocatori e aumento società che potranno accedere ai contributi.

    Pubblicato da Pippo | 28 agosto 2013, 16:36
  13. IO PARIDE NON SONO AFFATTO “POVERO” MI LIMITO A SCRIVERE LA MIA, COME FAI TU…
    HAI SCRITTO BENE, TU NON SEI UN TIFOSO DEL RIMINI, QUINDI QUELLO CHE SCRIVI È SOLO PER RIPICCA E QUINDI SENZA ALCUN VALORE.
    CON TE CONFRONTO CHIUSO.
    CONTINUA A RELAZIONARTI CON I TRE SOLITI FRUSTRATI CHE DA ANNI GUFANO, PRIMA SOSTENENDO IL REAL RIMINI, OVVERO UNA CAUSA PERSA IN PARTENZA E POI IL SAN MARINO.
    VORREI SOLO SAPERE IN QUESTA STAGIONE CHI SOSTERRETE VISTO CHE PRETELLI È STATO CACCIATO DAL TITANO!
    😉

    Pubblicato da Gaf | 28 agosto 2013, 18:14

Rispondi

Bar Sport su Facebook