stai leggendo....

Problemi tecnici ci hanno impedito di aggiornare il sito e chiediamo scusa. Ora rispondiamo ad alcuni presunti tifosi.

calcio

Problemi tecnici ci hanno impedito di aggiornare il sito e chiediamo scusa. Ora rispondiamo ad alcuni presunti tifosi.

Chiediamo scusa per non aver aggiornato il sito in quanto problemi tecnici al di sopra della nostra volonta’ ci hanno impedito di poterlo fare. Detto questo, chiariamo un po’ la nostra posizione con quella del “tifo” . Bisogna dividere  fin dall’inizio i ruoli, il tifoso va rispettato perché rappresenta la storia e la forza di un club, ma deve agire nel rispetto delle regole e della legalità. Dall’altra parte la società non deve usare la tifoseria come uno strumento per fare pressioni in determinati ambienti. Bisogna sempre rispettare i ruoli e fare una distinzione netta tra le parti. Il calcio ha significato troppo per me e continua a significare troppe cose. Dopo un po’ ti si mescola tutto nella testa e non riesci più a capire se la vita è una merda perché il Rimini fa schifo o viceversa. Sono andato a vedere troppe partite, ho speso troppi soldi, mi sono incazzato per il Rimini quando avrei dovuto incazzarmi per altre cose, ho preteso troppo dalla gente che pensavo volessero bene davvero alla squadra e non per motivi di interesse ai loro proprietari. 
Io non ragiono con l’ottica del tifoso. Il tifoso è chi conta i punti. Io mi emoziono e per emozionarsi, bisogna credere in quello che si vede, in quello che garantisce il futuro. Esempio Milan, per rimanere alla mia squadra del cuore : Berlusconi non poteva più spendere, emozione finita e società da rifondare. I tifosi lo hanno chiesto e ottenuto, riaccendendo la propria fede e tornare ad emozionarsi. La rifondazione delMilan si sta facendo con i fatti, non con un’altro calcio e’ possibile ; tutto fumo negli occhi . A me sta caciara di parole mi da un senso intenso di fastidio. Leggere  alcune stupidaggini  su questo blog in risposta al mio articolo  mi da il senso sulla misura dell’intelligenza, nel bene e nel male. Questa gente che critica il diritto del rispetto e della giustizia mi da la sensazione  dell’idiotismo incontrollato e senza speranza di rinascimento. Questa è’ la gente che sino a quando non toccano il loro orticello criticano  tutti ma appena li profanano la loro riservatezza sbraitano come leoni. Cazzoni  che nemmeno al banco del seme ne vorremmo vedere. 
Non abbiamo bisogno di dare bandiere da sventolare ai veri tifosi – I nostri tifosi , quelli veri, sono sempre lì con i loro cuori e  con il pensiero rivolto alla sana situazione societaria e a chiedere spiegazioni sulla solidità che ne consegue. Questo  è tutto quello di cui abbiamo bisogno. Allo stadio si dovrebbe andare per veder giocare il meglio possibile, se poi è la mia squadra tanto di guadagnato, se è l’altra pazienza. E non mi vengano a dire che questi discorsi agli ultras fanno il solletico, io non parlo di ultras che sono un problema di altri, parlo di tribune, e di tribune d’onore. Dove non senti che insulti, non respiri che tensione ed eccessi, gente in vetrina che con il calcio ha poco o nulla a che fare e sembra quasi compiaciuta della propria incultura . Io non sono parte del club, come il club non  è parte di me; e dico questo perfettamente consapevole del fatto che il club mi “sfrutta”, non tiene in considerazione le mie opinioni, il mio lavoro e talvolta ci tratta male, quindi la mia sensazione di unione organica non si basa su un fraintendimento confuso e romantico di come funziona il calcio, ma sul rispetto reciproco.

Commenta la notizia

13 Di risposte a “Problemi tecnici ci hanno impedito di aggiornare il sito e chiediamo scusa. Ora rispondiamo ad alcuni presunti tifosi.”

  1. quindi? scusa ma mi sono perso in sto mare di parole, con chi ce l’hai sto giro (società onnipotente che non ti rispetta, tifosi ingrati e ignoranti o altro?)

    Pubblicato da maicol | 7 agosto 2017, 12:45
  2. Ora che il sito funziona avresti potuto usarlo per parlare di cose tecniche e invece non lo fai. Attacchi, attacchi e di nuovo attacchi, mai a parlare di calcio. Sai come si dice “chi semina vento raccoglie tempesta” e se tu il vento non lo plachi la tempesta non cessera’. Parla di calcio, parla del Rimini (non del Milan) e vedrai che la gente ricomincera’ a stimarti ma se continui questa tua guerra personale credo che ti rimarranno pochi estimatori.

    Pubblicato da Abdul Nabir al bar | 7 agosto 2017, 13:40
  3. Ok, davanti a quest’ultimo comunicato mi inchino.
    The winner is….Indino

    Pubblicato da Andrea Bianchi | 7 agosto 2017, 18:27
  4. Caro Indino, io non mi ritengo una persona che ti critica a priori.
    A volte fai dei commenti sensati, alle volte un pò meno…e, conseguentemente, a volte sono d’accordo con te, altre un pò meno.
    Questa volta, onestamente non ho ben chiaro il senso del discorso. Ma va bene. Sono sicuro del tuo amore e del tuo rispetto per la squadra del Rimini Calcio, che hai sempre seguito e che sono sicuro sempre continuerai a seguire. Nel bene e nel male.
    Però un consiglio sento di dovertelo dare…se puoi, aggiorna la rosa della squadra.

    Grazie e sempre Forza Rimini!

    Pubblicato da Il Sognatore | 7 agosto 2017, 19:19
  5. Dai intino su , piantala …..

    Pubblicato da Mariorossi | 7 agosto 2017, 20:09
  6. Non avevo voglia di scrivere sul blog, ma voglio farlo per raccontare dell’arroganza e la scarsa professionalità che usano questi venditori di pubblicità per la web TV del Rimini. Premetto che sono uno degli sponsor di Bar Sport da tempo e con Indino mi trovo benissimo . Settimana scorsa mi si presenta un ragazzetto che mi propone la pubblicità dicendomi che il Rimini bla bla bla , sino ad arrivare a sminuire il lavoro di altre tv, non solo Rimini TV . L’ho trovato di basso rilievo e di cattivo gusto. Ho risposto di no e gli ho consigliato di usare sistemi diversi per proporsi. Brutta cosa. Beppe ha pienamente ragione quando scrive che il rispetto e’ alla base della concorrenza. E’ ha ragione quando scrive che la società sfrutta il loro lavoro per l’immagine venendo ripagati da subdole manovre che ne rovinano gli introiti pubblicitari. Bene così Beppe, ma metti sempre avanti il riguardo per il Rimini.

    Pubblicato da Io rimango tuo sponsor | 8 agosto 2017, 10:24
  7. Credo che un po’ di sana, e ripeto SANA, concorrenza aiuti ad alzare il livello e la profondità di informazione.
    Beppe sei l’unico che continua a fornire un servizio “superpartes” senza sottostare ai voleri dei vari presidenti che si sono succeduti. Continua così, ma a volte sarebbe opportuno stemperare le polemiche personali che non forniscono un plus ai fruitori dell’informazione.
    Per la prossima stagione non puoi ingaggiare opinionisti di livello, del calibro di Davide Giovannini?!?

    Pubblicato da Graziani | 8 agosto 2017, 11:24
  8. nooooooo e le due mummie e l’avvocatuccio dove li mettiamo??ci mat

    Pubblicato da alessandro manzoni | 8 agosto 2017, 14:23
  9. Indino con sincerità e spirito costruttivo vorrei rispondere al tuo messaggio del g.7/8/17. La vicenda che ti contrappone ai vertici del Rimini FC (purtroppo devo usare questo termine) non ha nulla di costruttivo per le sue entità . Personalmente mi sento di lanciare un invito alla moderazione e , perché no ad una proficua collaborazione.Quale vantaggio possono trarre le due parti da simili polemiche, mi è obiettivamente ignoto!!! Frequento a sufficenza la città per affermare che la cosa comincia a stancare. Per ricostruire un clima ottimistico e sereno attorno alla Rimini Calcio certe diatribe infinite portano solo a danneggiare tutti. Ogniuno faccia la sua parte nelle proprie competenze, senza eccedere, senza debordare. IN MERITO AL RAGAZZOTTO , O pseudo tale, tengo a precisare che le visite vengono effettuate da due seri soggetti di 45 e 60 anni, molto seri e non portati alla denigrazione. Se potete parlatevi , dialogate!!!è meglio per tutti.Lorenzo Bertozzi.

    Pubblicato da Veronica | 8 agosto 2017, 16:03
  10. scusate ma delle polemiche di indino, credete che interessino cosi tanto ai tifosi? no no proprio no, viene ritenuto un giullare saltimbanco che urla ai 4 venti giusto per farsi sentire e dire “ehilà ci sono anch’io”, nulla più..

    Pubblicato da anselmo squadroni | 9 agosto 2017, 09:26
  11. Paragone col Milan, assurdo dai. E poi, se vogliamo, anche lì ce ne sarebbe da dire…..un closing rinviato per mesi, voci che dicevano fosse il Cav. a riportare in Italia soldi da riciclare. E il caso Donnarumma? Avete fatto ridere tutta l’Italia: TRADITORE, MERCENARIO…e adesso tutti a leccare il cul..etto.
    E PARLIAMO DI COERENZA? MO’ LASSA ANDE’……

    Pubblicato da Abdul Nabir al bar | 9 agosto 2017, 10:50
  12. Le polemiche che ha fatto indino sul Rimini, sono state sempre fatte con cognizione di causa e noi tifosi non ne abbiamo preso atto solo perché ad alcuni sta antipatico. Lo dicono i fatti. Poi Squadroni, non credo sia il caso di offendere le persone solo perché non le puoi vedere. Ti contraddici dicendo che non interessano le sue polemiche e poi scrivi su questo blog. Non mi sembra una cosa normale per uno che si reputa intelligente.

    Pubblicato da Amico di Beppe | 9 agosto 2017, 10:56
  13. Mi ricollego al post di amico di Beppe. Solo chi segue il Rimini da anni, fasti e nefasti compresi, sa che Indino quando polemizza si sbaglia veramente di rado. Purtroppo. Quando ricomincerà la sua trasmissione chi ne avrà voglia magari sentirà le sue parole, dal vivo. Così potremo capire meglio. Chi non è interessato è sufficiente che non si sintonizzi sul suo canale. Trovo poi inopportune tutte le offese fatte alle persone. Tutte le persone, della sua trasmissione e di quelle legate alla società Rimini fc. Calma!

    Pubblicato da Giuliano F. | 9 agosto 2017, 12:05

Rispondi

Bar Sport su Facebook