stai leggendo....

Rimini, Grassi va a Roma per riprendersi il “Neri”

calcio

Rimini, Grassi va a Roma per riprendersi il "Neri"

Domattina di buon’ora, il patron del Rimini Giorgio Grassi, partirà per Roma dove prima si incontrerà con un professionista serio ed esperto in questo tipo di situazione e insieme andranno ad esporre reclamo per la sanzione subita dal giudice sportivo di giocare a porte chiuse la partita di domenica prossima per un’episodio di un singolo tifoso che ha lanciato una bottiglietta di plastica d’acqua verso un giocatore dell’Imolese al termine della gara. La “spedizione” è atta a cercare di far ricredere il giudice sportivo e a far attenuare la pena, magari tramutandola in una multa che  consentirebbe ai tifosi di assistere alla gara contro il Romagna Centro in quanto  potrebbe essere la partita della promozione in serie C e di conseguenza il festeggiamento. 

Commenta la notizia

2 Di risposte a “Rimini, Grassi va a Roma per riprendersi il “Neri””

  1. Alla partita con l’Imolese non ero presente e non frequento la laterale, ma parlando con un mio conoscente mi e’ stato riferito che il presunto lanciatore di bottiglietta potrebbe essere una persona che di solito impreca contro la squadra e contro la societa’. Se su questo forum ci sono frequentatori della laterale li inviterei a denunciare la persona in questione. Speriamo che Grassi riesca nel suo intento.

    Pubblicato da Braccobaldo | 12 aprile 2018, 13:08
  2. A me invece hanno riferito che a lanciare la bottiglietta sarebbe stato uno che impreca contro i tifosi che con grande realismo sottolineano in modo pacato e puntuale tutte le deficienze di questa gestione societaria, -nell’interesse della squadra e della maglia- dandogli dei gufi e dei cesenati.
    Del resto, i conti tornano perchè deve essere proprio un grandissimo imbecille!

    Pubblicato da Luca | 12 aprile 2018, 21:39

Rispondi

Bar Sport su Facebook