stai leggendo....

Un Giorgio Grassi in grande spolvero risponde piccatamente ad Alessio Sundas che aveva chiesto di “comprare” il Rimini

calcio

Un Giorgio Grassi in grande spolvero risponde piccatamente ad Alessio Sundas che aveva chiesto di "comprare" il Rimini

LA RISPOSTA DI GIORGIO GRASSI A SUNDAS
“Ciao Alessio,
abbiamo ricevuto ieri intorno alle 15.00 una pec con la tua manifestazione di interesse per l’acquisto del Rimini F. C. per poi portarlo nella massima serie.
Contemporaneamente ne hai mandato copia ai media locali e nel tardo pomeriggio sono stato contattato da una testata per chiedermi ulteriori lumi. Confesso che mi era stata mandata copia solo pochi minuti prima dall’a. d. e quindi alla giornalista avevo chiesto tempo per verificare.
La tua proposta è stata inviata in termini abbastanza irrituali, dal momento che trattative di questo tempo hanno bisogno di riservatezza, anche se nel caso di specie se avessi avuto il tempo e la voglia di approfondire anche solo consultando il nostro sito e tutti social collegati, ti saresti imbattuto nella pubblicazione dei nostri rendiconti finanziari e ai nostri bilanci pubblicati ed aggiornati trimestralmente, caso unico in Italia forse?
A che pro quindi tutta la sequela di informazioni che vai a richiedere, un compendio di copia e incolla che va bene per qualsivoglia uso e solo cambiando la ragione sociale del destinatario.
Piuttosto incuriosito, mi sono messo a digitare ed ho scoperto che tu con altri sponsor e sostenitori già avevi cercato di salvare il Parma di Tanzi, la Fiorentina dei Della Valle per portarla perlomeno in Champions League, recentemente il Cagliari per potere nutrire ambizioni più importanti, che avevi provato a rilevare il Palermo di Zamparini, inoltre sei stato associato a prescindere dalla sequenza temporale al Prato, al Vicenza, alla Pistoiese, all’Akragas e altre, di cui magari nulla sappiamo.
Proseguendo, ho scoperto che hai anche una buona fama di Tombeur de Femmes, beato Te, ma ti ricordo sommessamente che a Rimini è sorto il primo bagno d’Europa nel 1843 e da allora i maschi Romagnoli, detti birri, hanno conquistato sul campo significativi trofei .
Rimini è la città di Fellini, di Amarcord, dei vitelloni, dei Zanza, dei latin lovers, dei bagnini più affascinanti d’Europa.
Se la percentuale di successo nel conquistare i cuori delle ragazze fosse la stessa delle tue incursioni nel mondo del calcio, una ripassatina delle arti amatorie dei Riminesi non ti farebbe male.
Fra di noi, usiamo dire, Pataca sì, coglione no.

Cordiali saluti.

Giorgio Grassi

Commenta la notizia

6 Di risposte a “Un Giorgio Grassi in grande spolvero risponde piccatamente ad Alessio Sundas che aveva chiesto di “comprare” il Rimini”

  1. Come tutti gli anni il 25 Dicembre è Natale, tutti gli anni finito il campionato del Rimini immancabilmente arrivano i salvatori della patria. E via andare.

    Pubblicato da Pier Giuseppe Babbi. | 31 maggio 2018, 17:11
  2. Questa volta però senza necessità e senza possibilità. Una società l’abbiamo e non c’è bisogno di speculatori di questo stampo.

    Pubblicato da barsport | 31 maggio 2018, 17:38
  3. Attorno al Rimini volano sempre gli avvoltoi! Abbiamo proprio una brutta fama!

    Pubblicato da Sergio | 1 giugno 2018, 11:20
  4. Il bischero fiorentino ha insultato Rimini ed i riminesi con un video ridicolo dove tra l’altro si definisce il miglior baciatore d’Italia.
    E’ un povero mentecatto alla ricerca disperata di notorietà.
    Non so se sia più opportuno a questo punto rispondergli come merita o ignorarlo ed impedirgli di avere altra visibilità (unica cosa che cerca).

    Pubblicato da Gianni | 1 giugno 2018, 22:53
  5. L unico merito , se cosi lo si puo definire, è stato quello di aver.inventato le ombrelline al motomondiale….pensate un po che.genio!!!!!!

    Pubblicato da Noccio | 2 giugno 2018, 22:49
  6. Tranquillo che ci penseranno gli integralisti islamici a toglierle come hanno già fatto con la Formula 1!
    I nostri nuovi padroni, con massima soddisfazione dei sinistroidi italiani…

    Pubblicato da Luca | 3 giugno 2018, 00:09

Rispondi

Bar Sport su Facebook