stai leggendo....

Giorgio Grassi è deluso dall’atteggiamento della squadra che vedrà quanto prima.

calcio

Giorgio Grassi è deluso dall'atteggiamento della squadra che vedrà quanto prima.

Giorgio Grassi è in crisi. Il suo Rimini lo sta deludendo. Sono molti i segnali di uno scollamento, o di un nervosismo interno alla sua squadra. Prova ne sia la polemica tutta dentro lo spogliatoio con il vecchio mister che ancora evidentemente ha lasciato strascichi. Insomma, siamo sull’orlo della crisi di nervi. Al Rimini  non sono certo abituati a perdere molte partite viste le stagioni degli ultimi due anni  e incassare due sconfitte di seguito, e in partite assai importanti, brucia eccome. Ma nulla avviene per caso, dato che già da qualche settimana le prestazioni sono apparse via via più sciatte, con una certa preoccupante mancanza di fuoco e di aggressività nei giocatori che aveva colpito, ancor prima di queste due sconfitte. E’ un Rimini  molle e moscio, e Acori  se ne dovrà assumere  la  rinascita.  E’ il momento più duro dell’avventura Riminese per Giorgio Grassi. Il Presidente sapeva che l’eredità  raccolta dal Sindaco prima o poi  sarebbe stata pesante da gestire, ma al tempo stesso felice per aver preso una piazza importante anche se “sorda” al momento del bisogno.  L’avvio di stagione è stato folgorante, il Rimini ha vinto contro la Triestina e aveva sfiorato  altri colpacci, ma l’unica vittoria è rimasta solo quella contro gli “alabardati.” Nonostante questo non sembrava ci fossero particolari problemi. Poi la crisi delle ultime settimane e le dimissioni di Righetti ancora da chiarire. C’è chi gli rimprovera l’eccessivo modus operandi, per  una gestione di colpo troppo severa dello spogliatoio, il che forse ne ha rallentato l’inserimento di qualche giocatore, ai suoi occhi non in grado a essere utile in questa categoria. Ora Acori avrà il suo bel da fare, ma più di lui, il Presidente, che  saprà certamente come intervenire: con la carota, ovvio, ma forse stavolta anche col bastone: perché Giorgio Grassi è buono e caro con tutti i giocatori, ma sa anche alzare la voce quando serve. E ora serve davvero.

Commenta la notizia

4 Di risposte a “Giorgio Grassi è deluso dall’atteggiamento della squadra che vedrà quanto prima.”

  1. Mi meraviglia il fatto che un allenatore esperto come Acori non si sia reso conto immediatamente della gravità della situazione della squadra, dove un allenatore vincente ed aziendale si era dimesso senza apparenti colpe e abbia preparato la partita di gubbio con troppa leggerezza coi risultati che sappiamo. Mi auguro che ora sappia individuare i veri problemi dello spogliatoio, magari parlando col vecchio allenatore e possa porgli rimedio.

    Pubblicato da Paolo | 6 novembre 2018, 15:30
  2. Se ne possono dire pensare raccontare tante per descrivere il pessimo campionato finora del Rimini ma la realtà è sempre e solo quella…NON HABEMUS PECUNIA!!
    e senza la “pecunia! non si fanno grandi campionati…poi ci possono stare gli errori le incompetenze gli infortuni dei giocatori ma se hai i soldi superi tutto, altrimenti speri e preghi di salvarti.

    Pubblicato da filo | 6 novembre 2018, 15:45
  3. Io sono dell’idea che non avendo professionisti in organico le risposte non possono essere che queste. Grassi e’ un signor imprenditore e sa benissimo che qualcosa in questa circostanza e’ stata presa con molta superficialità. Sono certo che saprà rimediare. Forza Rimini

    Pubblicato da Vince | 6 novembre 2018, 17:09
  4. si sa come sia andata la grigliata ieri sera alla Grabo?

    Pubblicato da grigliata di topo ragno | 9 novembre 2018, 10:15

Rispondi

Bar Sport su Facebook