stai leggendo....

Rimini: ultima chiamata per squadra e tifosi.

calcio

Rimini: ultima chiamata per squadra e tifosi.


“Ultima chiamata per la salvezza”. Dopo aver quasi scongiurato la retrocessione diretta, il Rimini si appresta ad affrontare l’ultima battaglia per evitare anche i playout. I biancorossi  devono ancora riprendersi dallo tsunami di un’intera stagione . Un’onta, più che un’onda, quella che si sono portata dietro coloro ritenuti responsabili di una stagione negativa. Campionato infelice, annata ormai ad un capolinea che deve essere “vincente”. In attesa (speriamo) di una nuovo corso meno incasinato e pieno di pedine fondamentali per l’ennesima rivoluzione tecnica e dirigenziale. Ma questi sono discorsi che dovremo fare più avanti, a bocce ferme e con la salvezza in tasca. Ora concentriamoci sulla “Mission” di domenica, per il match contro il Renate .  L’ultima chiamata per una squadra che di occasioni ne ha già sprecate tante in stagione, ma è rimasta comunque ancora incredibilmente aggrappata alla classifica. Quindi niente scherzi. Occorre però ritrovare il mutuo soccorso in campo, incanalando la rabbia non verso i compagni, ma contro gli avversari, andando oltre i propri limiti caratteriali. Più che montagna da scalare, quella contro il Renate rappresenta l’ultima occasione per salvare la faccia e la categoria. Altrimenti, il rischio è quello di deprimere ulteriormente una piazza già delusa dallo sport locale in generale. Quindi ragazzi non ci deludete. Provate per una volta riscoprire quel “Rimini-amor,” dove quest’anno il nome del club non riesce a superare in grandezza, l’affetto che lo circonda.  Un’ultima “preghiera” la rivolgo ai tifosi, a quelli sopratutto che allo stadio non vengono più da tempo: Il Rimini ha bisogno della città, tutta, anche di chi non è interessato al calcio, e naturalmente dei suoi sostenitori abituali per dare una forza ulteriore a chi scende in campo per quella che è davvero la partita della “vita”.

Commenta la notizia

Nessun commento ancora.

Rispondi

Bar Sport su Facebook