stai leggendo....

Tennis. Tutto pronto per la Fedcup.

altri sport

Primi allenamenti per Italia e Stati Uniti. Sara Errani: “E’ bello giocare a casa, vorrei il 105 Stadium pieno”.

Roberta Vinci: “Stati Uniti meno forti senza la Williams, ma non sono da sottovalutare”

RIMINI. Primi allenamenti al 105 Stadium per Italia e Stati Uniti. Oggi le due squadre si sono divise il campo del palazzo dello sport riminese. In mattinata le azzurre, nel pomeriggio altro allenamento per Sara Errani e Roberta Vinci, agli ordini del capitano Corrado Barazzutti, poi dalle 17 alle 20 spazio alle statunitensi che sono arrivate in mattinata. Tranne Melanie Oudin che si è aggregata al resto della squadra solo in serata. E’ stato un allenamento speciale quello di Sara Errani, perche è bordo campo c’erano babbo Giorgio e mamma Fulvia. Non capita spesso, ma si gioca in Romagna, la terra di Sara, a soli 60 chilometri dalla sua Massa Lombarda. Lei al termine dell’ora di scambi con Roberta Vinci era soddisfatta del suo stato di forma: “Mi piace molto giocare la Fed Cup, sono particolarmente contenta di giocarla così vicino a casa. Perché molti amici mi potranno vedere finalmente giocare dal vivo. Vorrei vedere un palazzetto pieno”.

Che ricordi ha di Rimini, da un punto di vista tennistico?

“Ho giocato qui il torneo Itf del Ct Settebello, dove persi da Nathalie Vierin, poi la mia famiglia ha una casa a Milano Marittima, quindi a poco più di venti chilometri. In questi giorni non ho potuto vedere la città, perché non abbiamo tanto tempo libero, tra allenamenti e fisioterapista rimane poco per il resto. Vedremo nei prossimi giorni”.

Sara fa i complimenti al campo: “Si gioca molto bene, la palla rimbalza alta. Le palle sono un po’ pesanti, non lentissime però. Non favoriscono nessuno”.

Gli Stati Uniti, senza le Williams, sono sempre così pericolosi?

“Certo, con Lepchenko, Hampton, che ha portato al 3° set la Azarenka in Australia, e la Huber che è un’ottima doppista”. Sara torna con la mente in Australia dove è uscita al primo turno in singolare a Melbourne, ma si è riscattata alla grande vincendo il doppio con Roberta Vinci. “In singolare ho affrontato la spagnola Carla Suarez Navarro che ha giocato in modo pazzesco, non ho perso male, è stata lei che ha avuto grandi meriti. Sono contentissima di aver vinto il doppio”.

Anche per Roberta Vinci le sensazioni sono buone: “E’ un bel campo, la palla rimbalza bene. E’ un po’ difficile tornare a giocare sulla terra dopo tanto che non lo si fa, ma abbiamo qualche giorno per allenarci”. La giocatrice pugliese conosce bene Rimini: “Mi ricordo di quando ho partecipato al torneo Itf del Ct Settebello tanti, anzi, tantissimi anni fa. E’ sempre bello tornare a giocare in Italia, speriamo che vengano in tanti a fare il tifo per noi”. Il team Usa si presenta all’appuntamento senza le sorelle più famose d’America: “E’ più tranquillizzante sapere di giocare contro atlete meno forti delle Williams – spiega la Vinci – ma in Fed Cup può succedere di tutto, quindi non bisogna sottovalutare le avversarie. La nostra forma fisica è buona, possiamo fare bene”.

 

Ufficio stampa

Commenta la notizia

Nessun commento ancora.

Rispondi

Bar Sport su Facebook