stai leggendo....

Santarcangelo. Fabio Fraschetti è il nuovo allenatore

calcio

Fabio Fraschetti è l’uomo nuovo, il nome che ti aspetti o forse che non ti aspetti dato che la società fino all’ultimo ha tenuto in riservo il nome del neo allenatore. Romano, classe 1961, Fraschetti inizia la sua avventura in panchina in diverse formazioni dilettantistiche che fanno parte dell’Umbria, proprio in regione raggiunge l’apice arrivando sulla panchina del Perugia in veste di trainer degli Allievi. Il percorso diventa amaro quando il club ancora sotto la gestione Gaucci fallisce, da qui il suo abbandono verso una nuova meta chiamata Arezzo.  Con sé si porta dietro il “figliol prodigo”, l’attuale difensore dell’Inter Andrea Ranocchia. Verso fine campionato  viene promosso in prima squadra subentrando  all’esonerato Cuoghi giungendo sesto. Non entra nei playoff solo per la differenza reti. L’anno dopo decide di trasferirsi sulla panchina della Sangiovannese dove conosce alti e bassi. Importanti sono i traguardi ottenuti con il club toscano soprattutto quando dietro la struttura emergono gravi problemi societari che lo porteranno a trasferirsi a Poggibonsi. Con i giallorossi in tre stagioni raggiunge il massimo obiettivo ottenendo il settimo posto nella stagione appena conclusasi. Infine l’approdo a Santarcangelo.

“Ho avuto il primo contatto con il ds Melini (racconta Fraschetti) a Gubbio in occasione delle finali del campionato Primavera. Di Santarcangelo mi avevano e mi hanno parlato tutti bene. Sapevo di venire in una piazza sana, seria, dove è possibile lavorare tranquillamente. Ricordavo il calcio espresso dalla formazione di Angelini perché lo affrontammo due anni fa cogliendo in ambedue i casi i tre punti. Non abbiamo parlato di mercato in maniera approfondita, sappiamo che c’è in corso l’approvazione da parte della Lega della regola che riguarda un’età media in campo attorno ai 24 anni. Non ho chiesto al momento nessun giocatore della mia ex squadra perché in primis dobbiamo capire come muoverci e chi confermare dei giocatori più esperti.”

Qui interviene il ds Melini specificando l’incontro avuto in Lega la scorsa settimana e quanto sia determinate soprattutto per il club la regola dei giovani da mandare in campo.  Alla domanda di un giornalista inerente alla conferma di alcuni giocatori che hanno fatto la storia del club, Melini ha risposto con un semplice:” Stiamo valutando e vedendo quali siano i giocatori adatti al gioco che il nostro nuovo allenatore vuole proporre e quali possono essere gli eventuali sostituti. Chiaramente sarà una scelta dolorosa ma che purtroppo non dipende da noi. Melini inoltre aggiunge:” Siamo in trattativa con l’Inter per avere qualche giocatore che possa fare al caso nostro, al momento è tutto in stand by, anche qui occorre fare le giuste valutazioni. Sono in dirittura d’arrivo le trattative che riguardano Obeng e altri calciatori di società amiche come Cesena, Sassuolo e Carpi.

Il presidente Brolli che aveva aperto la conferenza ci tiene a ribadire quanto di buono abbia fatto il club in quest’ultimi anni sul piano dei risultati ma non nasconde la sua amarezza in merito alla regola dei 24 anni che la Lega sta discutendo come traspare il suo rammarico nel dover rinunciare ad alcuni giocatori che hanno contributo al salto nei professionisti del Santarcangelo Calcio.

Commenta la notizia

Nessun commento ancora.

Rispondi

Sondaggi

Il Rimini inizia un nuovo percorso societario: cosa ne pensate?

Vedi Risultati

Loading ... Loading ...