stai leggendo....

Rimini. Sette gol alla Juniores.

calcio

Il Rimini di mister Marco Cari prosegue l’avvicinamento alla gara di domenica prossima al Romeo Neri contro il Fidenza vincendo per 7-0 la consueta amichevole di metà settimana contro la Juniores allenata da Paolo Zani. Reparto offensivo in evidenza con le doppiette di Manuel Pera e Gerardo Masini e i gol di Giuseppe Gambino e Gianmarco Tedesco; il tabellino della sfida è stato poi completato dalla rete del centrocampista Carmine Palumbo.

A parte Adrian Ricchiuti che ha proseguito il programma di allenamento personalizzato alzando i ritmi di lavoro, Leandro Versienti che ha svolto una seduta differenziata, e Guido Di Deo che si è sottoposto a terapie dopo l’infortunio accusato domenica scorsa contro l’Abano. Gli allenamenti proseguiranno domani mattina sul campo di San Vito mentre la rifinitura è in programma per sabato mattina al Romeo Neri.

Commenta la notizia

15 Di risposte a “Rimini. Sette gol alla Juniores.”

  1. dopo la vittoria con l’ abano se dovesse vincere con il fidenza allora punterebbe a vincere il campionato?

    Pubblicato da adolfo | 3 ottobre 2014, 14:11
  2. E’ lunga, hai voglia a pedalare

    Pubblicato da DUDU' | 3 ottobre 2014, 17:35
  3. Er Piotta va de via e cul

    Pubblicato da Gigi | 3 ottobre 2014, 20:37
  4. DAI PRESIDENTE DOPO IL MANCATO RIPESCAGGIO PORTACI IN ECCELLENZA. NON MOLLARE

    Pubblicato da DAVIDE | 3 ottobre 2014, 21:18
  5. Da una analisi abbastanza precisa si puo facilemente constatare che l’anno scorso ad usclusione del girone del matera, per vincere il campionato è stato necessario avere una media punti oltre 2,00 a partita altrimenti è impossibile. Ad esclusione del girone del Pordenone in cui si è avuta le media del 2.4 nelgi altri si ruota attorno al 2,14.
    Attualmente il Rimini ha una media del 1.4 che onestamente è appena superiore a quello necessario per salvarsi che ruota fra 1.25 e 1.65 dipende un po dai gironi.
    Un po aiuta che il girone è da 20 squadre quindi si ha qualche possibilità in piu di recuperare.
    In considerazione di questo già ora per recuperare e riporate la media attorno a due è necessario fare almeno 2.02 punti a partita.
    Credo che l’unica possibilità è sperare in un filotto che ci possa mettere nel gruppo di testa e poi cercare di essere regolari altrimenti è dura anche se sono state giocate poche partite. Non credo che i campi pesanti, come dice Max Guerra aiutano il Rimini una squadra un po pesante sia nella età che nella mole e che troverà molte squadre pronte a chiudersi.

    Este 2.60 a partita
    Porto Tolle 2,00 a partita
    Fortis 2.00 a partita
    Fiorenzuola 1.80

    sono belle medie per l’inizio

    Cristian

    Pubblicato da Cristian | 3 ottobre 2014, 22:39
  6. Bravo Cristian cos’ Davide si mette l’animo in pace e la finisce di rompere

    Pubblicato da DAVIDE e BETASABEA | 4 ottobre 2014, 11:59
  7. Dai dai pres siamo tutti con te……. Come la racconti te nn ci riesce nessuno…. Tanto a Rimini spari 2 cavolate e una schiera di becconi e’ com te….. Avanti tutta….

    Pubblicato da DAVIDE l' impostore | 4 ottobre 2014, 14:59
  8. dai ragazzi dai dai dai dai dai

    Pubblicato da fonte anonima il vero | 4 ottobre 2014, 16:38
  9. ERA COSÌ DIFFICILE FAR,E UNA SQUADRA DA RIPESCATI IN C ALL’ULTIMO MINUTO CHE LA TORRES È PRIMA NEL SUO GIRONE…….DE MEIS VATTENEEEEEEE BUFFONEEEEEEE

    Pubblicato da Renato | 4 ottobre 2014, 21:23
  10. Anche l’Arezzo sta viaggiando ad alti ritmi…

    Vi state accorgendo in che mani è capitato il Rimini? Da gennaio 2014 è andato tutto in malora. Almeno prima c’era un qualcosa che funzionava nelle molte, tante difficoltà. Aprite gli occhi. Le maglie saranno queste. Le stesse le ha il San Marino. Sono identiche! con i colori ovviamente cambiati.

    E io rivoglio Moreno e la Giorgia Bertozzi al loro posto! Rimpiango anche Ripoli, Costantini, Traini che in confronto a questi che hanno preso la società in mano… Bè si commenta da solo…

    Io voglio capire i rimborsi (perché non si può parlare di stupendi!) che hanno i giocatori e il ripescaggio che la lega ce lo ha messo su un piatto d’argento e non disponendo dei soldi necessari (600mila) si è iscritta la squadra nei dilettanti (50mila euro: 31+19 tasse!)

    Osta che grande società e w la trasparenza. Mi dispiace per l’avvocato Patimo che non avrà mai un confronto televisivo con il signor De Meis….

    Che schifo veder tutto ciò. In confronto rimpiango anche Amati !

    Ma tanto a gennaio si fa boom. O si fa boom a giugno se non si arriva primi. Questo è il tanto decantato e mai detto “progetto”. Che bella parola.

    Speriamo di arrivare primi! E se va male speriamo in un futuro miglior con gente si appassionata ma ci vogliono i soldi se no nel calcio moderno ti ridono dietro!

    Ah scusate lo sfogo la finisco qui: ci vuole anche cultura sportiva e coinvolgenti delle realtà aziendali della zona!!!

    Buona serata

    Paolo Arlotti

    Pubblicato da Paoloantoni | 4 ottobre 2014, 21:40
  11. Caro palantoni ( che nn conosco personalmente)

    La attuale società è fatta di persone che nn hanno mai fatto la D
    per quanto i giocatori alcuni sono davvero un mistero come siano arrivati a Rimini a partre da portiere che poi è stato girato ad altra societa.

    Se volgiamo poi parlare di qualche rimborso che si dice in giro

    Ricchiuti 70
    Gambino 60
    Cacioli 40
    Pera 50
    Masini 40

    Vorrei ricordare che l’anno scorso, tolti quelli provenienti da anni precedenti con contratti triennali, non c’era un giocatore che avesse stipendi supoeriori a 30 solo a gennaio sono arrrivati i paperoni Cesca, Tomi, Nigro ecc.

    Lino

    Pubblicato da Lino | 5 ottobre 2014, 11:56
  12. Lino ,lavori al Cocoricò forse ?

    Pubblicato da newbomber | 5 ottobre 2014, 12:29
  13. Lino, “si dice in giro”. Se non sai niente di certo perché non stai zitto. ? E magari vai allo stadio a tifare Rimini che forse è meglio. ?

    Pubblicato da pippo | 5 ottobre 2014, 14:23
  14. Ma indno cosa moderi per partito preso?

    Pubblicato da pippo | 5 ottobre 2014, 14:25

Rispondi

Bar Sport su Facebook