stai leggendo....

Santarcangelo. Parla il presidente Brolli: “Non dovremo più sbagliare nulla”

calcio


Buongiorno presidente. Le chiediamo innanzitutto, tornando per un attimo sulla partita con la Pro Piacenza di sabato, cosa le è piaciuto di questo successo per 2-0. A parte i 3 punti naturalmente.
“La prestazione nel secondo tempo. Nel primo avevamo fatto male, nella ripresa però i ragazzi hanno capito che se si voleva vincere, occorreva cambiare atteggiamento. Questo significa che il Santarcangelo ha carattere e qualità, a patto che si mantenga questo livello. Se ci esprimiamo sempre in questo modo, i risultati possono arrivare con più continuità”.

Che idea si è fatto su questo girone B di Lega Pro unica e sul Santarcangelo nello specifico?
“A parte 3-4 formazioni costruite per vincere, tra le altre regna l’equilibrio. È un campionato molto difficile, diciamo che noi rappresentiamo la cenerentola in mezzo a tante società blasonate. Il che non è che ci porti a farci intimorire, però talvolta paghiamo dazio per questioni che, volendo, potremmo definire “ambientali”. Sulla nostra stagione posso dire che siamo partiti male non in termini di prestazioni, ma come risultati. Adesso la strada è in salita, non dovremo più sbagliare nulla se si vuole recuperare il terreno perduto”.

Domenica la Berretti è andata a pareggiare 1-1 in casa del Milan, segno tangibile della crescita del vivaio in questi ultimi anni.
“Ci siamo allineati alle squadre di livello nazionale, un percorso veramente importante. Raccogliere risultati di questo tipo dopo tanti investimenti costituisce motivo di soddisfazione per noi. Speriamo che il cerchio si chiuda con l’approdo di qualche ragazzo del nostro settore giovanile in prima squadra”.

Cosa chiede al 2015?
“Mi auguro che sia migliore del 2014 a livello calcistico, così come sotto il profilo finanziario ed economico. C’è bisogno che l’economia riprenda il suo vigore. In modo che lo sport, ed il calcio in particolare, possano tornare a beneficiarne”.

Commenta la notizia

Nessun commento ancora.

Rispondi

Bar Sport su Facebook