stai leggendo....

Si parte per la poule scudetto, ma l’interesse scivola su: Che futuro?

calcio

Nessun incontro ufficiale tra società e tesserati dopo la fine della regular – season.  Il presidente , Fabrizio De Meis e il d.g  Angelo Palmas ,rimangono in stand-by, almeno ufficialmente e nulla hanno illustrato circa lo stato di fatto della società prendendosi tempo sino quando la   squadra terrà in piedi la speranza di fregiarsi del titolo di team più’ forte dei nove gironi di serie D. Il discorso futuro relativo alle sorti della società, saranno dissipati soltanto a bocce ferme. E’ chiaro che nell’assordante silenzio, di spifferi ne vengono fuori tanti, anche se le correnti sono da controllare. Partiamo dal mister che dice di percepire sensazioni strane circa la sua permanenza a Rimini: “Non sento nessuno della società da troppo tempo…. questi silenzi li conosco e so che non portano verso la  mia conferma.” Pessimista!!! Radio mercato inizia a blaterare nomi altisonanti : Matteo Brighi torna a casa.Pura fantascienza? Tutti gli attuali dirigenti (Palmas a parte) si dice  siano a rischio addio. Pura follia!!!! E la squadra? Smantellarla sarebbe un suicidio sportivo colossale. Basta poco per poter essere competitivi anche in Lega Pro e cambiare molto sarebbe da rischiatutto!!! Poi la ricerca di reperire soci solidi per portare risorse finanziaria nelle casse e sopratutto per sanare i debiti regressi non sarà facile!   E l’incontro   con l´amministrazione comunale? La volontà di chiudere e aprire una nuova stagione del calcio in città con i lavori di ristrutturazione concordati per lo stadio con relativa la gestione affidata alla  Rimini Calcio ,sarà cosa fondamentale, per  tutta una serie di cose che lo stesso De Meis ha in mente di realizzare con  un progetto che va costruito mattone su mattone. Indispensabile!!!L’obiettivo finale nasce da una semplice considerazione, che poi fa parte della filosofia del gruppo: creare uno scopo, non gestire lo scopo. Fabrizio De Meis, se abbiamo capito bene, si propone di realizzare un’idea nuova di società sportiva che non riduce la riuscita del proprio compito al solo risultato ottenuto sul campo, o alla creazione di una squadra di alto livello, ma considera questi due punti come parte di un progetto più ampio, frutto di un’attenta pianificazione, di cui interessare tutto il territorio.

Commenta la notizia

7 Di risposte a “Si parte per la poule scudetto, ma l’interesse scivola su: Che futuro?”

  1. Brighi col Sassuolo prende 600.000, viene a Rimini per 60.000? . Suvvia non inziamo a scrivere corbellerie.

    Pubblicato da Accattone | 12 maggio 2015, 18:59
  2. Grande Presidente

    Pubblicato da fonte anonima il ritorno | 12 maggio 2015, 23:08
  3. Chi ha scritto l’articolo è un giornalista? Tralasciando il contenuto, inesistente, la forma è da pensierino delle elementari: punteggiatura buttata a caso, sintassi terrificante, scorrevolezza assente. Spero sia stato scritto da uno stagista straniero in viaggio Erasmus in Italia

    Pubblicato da Bosk | 13 maggio 2015, 10:38
  4. Mi vien da ridere…

    Pubblicato da Do ut des | 13 maggio 2015, 14:27
  5. giornalaio altro che giornalista
    il gianni brera di “noiartri” !!!!

    Pubblicato da tredi | 13 maggio 2015, 16:02
  6. Soprattutto con sole 3 T non va bene….. È tipo taramatapioca

    Pubblicato da Tre | 13 maggio 2015, 19:01
  7. E oggi Buffon, quello che c’era a Berlino il 9 luglio 2006 e il 9 settembre successivo si tuffava tra i pali del Romeo Neri di Rimini subendo il gol del pareggio da Adrian Ricchiuti, para su Bale e Benzema e può tornare all’Olympiastadion.
    da – Il Fatto Quotidiano.
    …così, tanto per ricordarci i vecchi tempi!

    Pubblicato da GianlucaG | 14 maggio 2015, 09:25

Rispondi

Bar Sport su Facebook