stai leggendo....

Rimini Calcio. Valter Berlini si dimette da responsabile del settore giovanile: “Divergenze personali con Giorgio Grassi”

calcio

Rimini Calcio. Valter Berlini si dimette da responsabile del settore giovanile: "Divergenze personali con Giorgio Grassi"

Con la presente comunico di aver lasciato l’incarico di Responsabile Tecnico del Settore Giovanile del Rimini F.C. e di aver formalmente comunicato le mie dimissioni al Direttore Sportivo Pietro Tamai lunedì 12 giugno. Preciso che tale decisione è univoca, in quanto presa per mia precisa volontà e non è scaturita da una decisione della Società. Le ragioni delle mie dimissioni sono dovute a divergenze personali con il Patron del Rimini F.C. sig. Giorgio Grassi, con il quale non sussistono più le condizioni di rapportarci, vicendevolmente, con rispetto e fiducia.
Riguardo al Settore Giovanile, specie negli ultimi due mesi, si sono create delle situazioni altamente problematiche che, dal punto di vista esclusivamente societario, mettevano in dubbio la prosecuzione del Progetto originario presentato all’Amministrazione Comunale lo scorso mese di luglio e chiaramente illustrato dal Sindaco Andrea Gnassi nella Conferenza Stampa del 3 agosto 2016 e successivamente, più volte, da Giorgio Grassi stesso. Nonostante una stagione positiva su tutti i fronti per le nostre quattro squadre giovanili, la Società ha pensato ad un radicale cambiamento di rotta, per me inaccettabile. Le mie resistenze ci hanno portato a vivere momenti di tensione, ma anche di confronto costruttivo e di riflessione, scaturiti, alla fine, in un’idea interessante e condivisa, allargata al coinvolgimento di alcune società calcistiche riminesi, che sono certo, andrà avanti con successo anche in mia assenza.
Ciò nonostante, i rapporti personali tra me e Giorgio Grassi, evidentemente, si sono irrimediabilmente logorati, fino allo strappo finale avvenuto durante una nostra conversazione telefonica di lunedì mattina.
Le sue parole, oltre ad avermi ferito personalmente, mi hanno fatto chiaramente comprendere che mi trovavo di fronte una persona che non mi stima né sotto il profilo umano, né sotto quello lavorativo.
Non si può lavorare con serenità “a dispetto dei Santi”, circondato dall’ostilità di chi ti tollera solo perché non può fare altrimenti e so perfettamente che le mie dimissioni sono state accettate come una panacea, in quanto spianeranno la strada ad altre persone e ad altri progetti paralleli, che io non avrei mai accettato.
Nessuno mi ha detto “va via”, ma, in fondo sento che è come se lo avessero fatto, perché giorno dopo giorno, hanno spento il mio entusiasmo, disarmandomi lentamente fino a costringermi ad arrendermi.
Ho indossato la maglia a scacchi a 14 anni, ho fatto tutta la trafila nelle giovanili del Rimini fino ad arrivare alla prima squadra, ho vinto il primo campionato della storia del Rimini dalla Serie C alla Serie B, ho giocato oltre 200 partite in biancorosso in C e in B, ho allenato i giovani del Rimini e sono stato suo Responsabile del S.G. Credo di avere virtualmente il cuore tatuato con i colori biancorossi e di sapere perfettamente cosa significhi davvero la parola Riminesità.
Ho 62 anni, una dignità e una credibilità da difendere. Non ho bisogno di tutor, non sono dipendente di nessuno e non devo dire per forza “Signor sì”, né devo piegarmi di fronte a situazioni che esulano dal mio patrimonio di valori umani e calcistici. La scorsa estate sono stato il primo a credere in “Un altro Calcio è possibile” e in “poco da tanti”, così il mio poco l’ho regalato al nuovo Rimini, mettendo a disposizione gratuitamente il mio operato, così come fanno i tanti volontari che vediamo ogni giorno al Romeo Neri. Ho messo la mia faccia davanti alla città, ai ragazzi, alle loro famiglie, alle altre società e ho sempre portato avanti, da solo, quello in cui alla fine, come dimostrano i fatti, era condiviso solo a parole e non nella realtà. Fino a quando il S.G. verrà considerato un costo e non un investimento, si faranno sempre e solo passi indietro, così come se, a mio avviso, si specula sui bambini in età di scuola calcio.
Il mio rammarico è di non poter continuare il lavoro con i “miei ragazzi” che lascio con profondo dispiacere, ma che so proseguiranno alla grande il loro percorso. Tra di loro ci sono parecchi elementi molto interessanti che, sono sicuro, un giorno vestiranno la maglia della prima squadra. Un mio obiettivo per questa annata era quello di portare in ritiro con la squadra dei grandi, due ragazzi (un 2001 e un 2002) per dare un segnale evidente di crescita di tutto il settore giovanile, per costituire uno stimolo per tutti i giovani calciatori e per dare risalto a quello che, a 17 anni, fu il mio traguardo e che ora deve essere il loro: la maglia della prima squadra. Tamai mi ha assicurato che manterrà questo proposito, per cui, almeno su questo punto, ho la sicurezza che la promessa fattami lunedì da Pietro verrà mantenuta e sarà il suggello finale con cui chiudo, orgogliosamente, il mio lavoro “solitario” di tutto un anno.

Valter Berlini

Commenta la notizia

10 Di risposte a “Rimini Calcio. Valter Berlini si dimette da responsabile del settore giovanile: “Divergenze personali con Giorgio Grassi””

  1. polemiche? dai dai su su

    Pubblicato da martin lutero king | 14 Giugno 2017, 16:45
  2. Niente polemiche pero’ a me dispiace, e’ una brava persona.

    Pubblicato da GATTO MAMMONE | 14 Giugno 2017, 17:24
  3. Nessuna polemica, del resto Valter può essere considerato l’unico riminese del gruppo!! A malincuore accettiamo questo divorzio, con la comsapevolezza che un po’ alla volta capiamo chi è il sig. Giorgio grassi. Ma del resto avevamo alternative ?!? Un altro calcio è possibile! Sicuramente sì, ma nel rispetto delle persone che hanno rimini nel Cuore !! sopra tutto.
    Grazie Valter!

    Pubblicato da Tredi | 14 Giugno 2017, 18:01
  4. Martino pescatore, nessuna polemica, anzi applaudiamo come abbiamo fatto cin i precedenti presidenti. DEMENTE

    Pubblicato da il riso della iena | 14 Giugno 2017, 18:35
  5. Grassi ora sappiamo il soggetto che tu sei.via tutti come i tuoi palloncini. Ma prima o poi i nodi vengono al pettine!! Grab uffone

    Pubblicato da bellavista è il mio presidente | 14 Giugno 2017, 20:04
  6. nooooooooooooooooooooooooooo Valter bravissima persona sia umanamente che professionalmente !!!!

    Pubblicato da scaccomatto | 14 Giugno 2017, 21:54
  7. Grassi chi lo conosce non si stupisce. Accentratore, permaloso e borioso. Davanti a tutto il suo interesse. Imparerete a conoscerlo. Grazie di tutto mister Berlini

    Pubblicato da Massimiliano | 15 Giugno 2017, 07:45
  8. Gradirei esprimere un mio pensiero su questa vicenda. Premetto che non conosco i particolari della decisione presa da Valter Berlini circa le sue dimissioni, ma mi fa sorridere il comunicato della società. Se tu come società pensi che colui che da le dimissioni sta sbagliando e lo ritieni indispensabile per il tuo progetto, respingi le sue dimissioni e lo convinci a rimanere. Purtroppo penso che il Sig. Berlini abbia toccato un tasto dolente circa la gestione del settore giovanile da parte della Rimini Calcio e si sia sentito delegittimato dalla stessa. Io sono stato uno di quelli che ha accolto con favore l’ingresso del Sig. Grassi nel Rimini, ma a questo punto mi devo ricredere sulla sua maniera di fare calcio a Rimini. Penso anche che il prossimo che darà le dimissioni sarà Sergio Santarini. Il tempo è galantuomo e dirà chi ha ragione.

    Pubblicato da Pier Giuseppe Babbi | 15 Giugno 2017, 23:05
  9. Bravo Pier Giuseppe. Se Berlini ha mollato vuol dire che non ci vedeva chiaro e ha detto che non poteva accettare certe cose. Lui ha scritto quello che pensava, la società ha scritto parole di circostanza, come si fa di solito in questi casi.Mi piacerebbe invece sapere da Berlini se gli hanno chiesto di ripensarci o se invece come penso io non aspettavano altro.

    Pubblicato da Primo | 16 Giugno 2017, 08:17
  10. Non è questo il comportamento di Grassi Giorgio che se veramente voleva tenere Valter Berlini responsabile giovanile rimini calcio avrebbe avrebbe respinto le dimissioni e. Chiarito i problemi senza offendere la persona che tra l ‘altro persona unica dedicando amorevolmente con passione gratis tutto il suo tempo libero al rimini alcuo giovani.così il sig. Grassi ha pensato bene come ringraziarlo offendendolo con parole grosse cosi per salvare la sua dignità ha dovuto dare le dimissioni.tanto già aveva la persona pronta persostiruirlo.questo è il Patron del Rimini molto umano!!!!!e se continua così ne vedremo di tutti i colori.rita

    Pubblicato da Veronica | 17 Giugno 2017, 11:48

Rispondi

Bar Sport su Facebook